Off The Post Virus Edition #2

Struggenti addii, inni a campioni forse troppo sottovalutati, ritratti di giocatori brutti sporchi e cattivi, allenatori leggendari ed eroi per caso. E poi due viaggi in Germania e Turchia, per parlare di calcio, business e politica. Sono questi i nostri 10 articoli calcistici preferiti della settimana. Anche stavolta Off The Post non lascia, ma raddoppia e vi regala il racconto di Gascoigne firmata da Stefano Borghi, l’Argentina – Colombia 0-5 del 1993 in versione integrale e uno splendido documentario su Brian Clough.

1 Gianni Mura, un pezzo di noi

Se ne è andato ieri e il vuoto incolmabile è già percepibile. Il ritratto più bello di Gianni Mura è quello fatto da Marco Pastonesi su Il Foglio.

 

2 L’ossessione per Ian Wright

Leggenda del Crystal Palace e dell’Arsenal, fortissimo attaccante all’inizio Anni Novanta, eppure finito quasi nel dimenticatoio: chi sia stato Ian Wright ce lo spiega Emanuele Atturo su Ultimo Uomo.

 

3 Caniggia l’antieroe

Un altro grande giocatore sottovalutato è sicuramente Claudio Caniggia, simbolo di uno dei momenti più tristi della Nazionale italiana. È Luigi Fattore su Contrasti a interrogarsi sui motivi che ci hanno portati a dimenticarci del Figlio del Vento.

 

4 Dal Trentino al Boca Juniors

A proposito di Argentina, storia davvero particolare quella di Antonio Ubaldo Rattin, idolo del Boca Juniors, protagonista ad Inghilterra – Argentina dei Mondiali 1966, figlio di emigrati trentini. L’ha narrata Carlo Martinelli sulle pagine di Trentino, riportandola poi sulla sua pagina Facebook. Imperdibile!

 

5 Storia del carnefice di Maradona

È passato alla storia per aver polverizzato la caviglia del Pibe de Oro e questo è bastato a consacrarlo come il cattivo per eccellenza della storia del calcio. Andoni Goikoetxea è senza dubbio un’anti-icona e per questo è diventato il protagonista della rubrica di Andrea Romano su QuattroTreTre.

 

6 Tanti auguri Trap!

Ha appena compiuto 81 anni Giovanni Trapattoni, uno dei più grandi allenatori del nostro calcio. Struggente il ricordo della sua epoca juventina a opera di Riccardo Lorenzetti.

 

7 I miracoli di Christidis

Coppa Uefa 76/77, ai quarti di finale il QPR sfida l’AEK Atene. Un match teoricamente impari che invece i gialloneri fanno loro grazie anche alle parate del loro secondo portiere. Un’impresa epica, da rivivere su Il Calcio Greco.

 

8 I padroni all’attacco del “modello tedesco”

Le immagini di Hoffenheim-Bayern Monaco hanno scioccato tutti, ma hanno soprattutto sollevato una volta per tutte il velo di Maya su quanto sta avvenendo nel calcio teutonico. Cosa c’è dietro? Lo spiega magistralmente su Sport Popolare Giuseppe Ranieri.

 

9 C’erano Garibaldi, Robin Hood e Brian Clough…

Il Nottingham Forest è una squadra leggendaria per qualsiasi amante del calcio da quando vinse due Coppe dei Campioni dopo aver vinto la First Division da neopromossa. Meno nota è però la storia della sua maglia e del legame con l’eroe dei due mondi. La racconta Gabriele Moretti su Sportellate.

 

10 Erdogan, da calciatore a “Sultano”

È uno dei personaggi della politica internazionale più discussi, ma in epoca passata Erdogan è stato anche un calciatore per un legame rimasto intatto anche oggi. Lo spiega Vincenzo Paliotto su Osservatorio Globalizzazione.

—————————————————————————————————————————————–

OFF THE MATCH

Continua il nostro viaggio a tappe nei classici degli Anni Novanta. Oggi vi portiamo al Monumental di Buenos Aires, dove la Colombia di Asprilla, Rincon e Valderrama e diretta da Maturana sta per demolire l’Argentina per 5-0.


—————————————————————————————————————————————–

OFF THE RADIO

Dr Jekyll a Mr Hyde. Tutto questo è stato Paul Gascoigne secondo Stefano Borghi che con la sua fantastica voce e la sua sconfinata conoscenza ripercorre la carriera di Gazza. A fargli compagnia c’è Billy Costacurta.

Ascoltalo QUI

—————————————————————————————————————————————–

OFF THE CINEMA

La vita e la carriera di Brian Clough è stata raccontata in molti modi diversi. Uno dei migliori, e senza dubbi più completi, è sicuramente questo bel documentario prodotto dalla BBC. Godetevelo!