Off The Post Virus Edition #8

Straripanti ali sinistre e fantasisti malinconici. Sconosciuti protagonisti che hanno fatto la storia. Paesi fondati sullo sport, partite giocate senza maglie, scudetti ed evasioni. Prima di riabbracciare i vostri congiunti, leggete i nostri dieci articoli calcistici preferiti. In più c’è un omaggio a Zigoni e Michael Robinson, una toccata e fuga in Inghilterra e una partita passata alla storia in versione integrale.

1 Un uomo chiamato Puliciclone
Lunedì ha compiuto 70 anni Paolo Pulici, leggendario attaccante del Toro degli Anni Settanta. Semplicemente meraviglioso il tributo che gli dedica Lo Slalom, eccezionale creatura di Angelo Carotenuto e Massimiliano Gallo.

2 Lo Scudetto e il bel Renè
Il 27 e 28 aprile 1980 Milano passa dalla gioia per il 12° Scudetto vinto dall’Inter di Bersellini alla paura per la fuga di Vallanzasca. Alessandro Bai su The Pitch riporta indietro l’orologio di 40 anni per raccontare quelle folli 48 ore.

3 Quando il Sindaco finì in Brasile
Iconico fantasista del Parma di Scala, Marco Osio è stato il primo giocatore italiano a giocare in Brasile. Un’avventura ricordata da Emanuele Giulianelli su 888sport.it.

4 Pascutti era una foto
Basta un fermo immagine per descrivere un calciatore? Nel caso di Ezio Pascutti probabilmente sì. Lo spiega Gino Cervi su Portiere Volante.

5 Karl Wald, l’uomo che ha inventato i calci di rigore
Sostituire il lancio della monetina, come metodo per decidere chi fosse il vincitore di una partita al termine dei tempi supplementari, con i calci di rigore. È l’idea lanciata nel maggio del 1970 da Karl Wald, arbitro tedesco: Roberto Brambilla su L’Angolo di Fritz Walter racconta la vicenda di una decisione che fece storia.

6 Argentina, la Repubblica fondata sullo sport
In assenza di una storia nazionale e di radici comuni in cui riconoscersi, lo sport in Argentina ha giocato un ruolo cruciale: collante nazionale e interclassista, rito laico di popolo e simbolo di identità. È l’analisi di Diego Mariottini per Contrasti.

7 Il terzino partigiano
Il 29 Aprile 1945 con l’esposizione dei corpi di Mussolini, della Petacci e di altri gerarchi fascisti a Piazzale Loreto, terminava di fatto il Fascismo in Italia. Una vicenda incredibilmente legata al calcio con la storia di Michele Moretti, il terzino partigiano, protagonista della cattura del Duce, come spiega su Gioco Pulito Roberto Consiglio.

8 L’irlandese uruguaiano dalla testa matta
Talento cristallino, testa piuttosto particolare: Fabian O’Neill ne ha combinate parecchio ed è rimasto nel cuore di tutti. Matteo Zizola su Centotrentuno.com ripercorre le sue gesta.



9 L’attaccante pugile

Era la stella del Cile arrivato in semifinale ai Mondiali casalinghi del 1962, ma in Italia Leonel Sanchez è ricordato per le risse scatenate in quella kermesse nella partita con la Nazionale. Il racconto di quella incredibile giornata è di Valerio Moggia su Pallonate in Faccia.

10 Quando la squadra non ha le maglie
Giocare con la maglia dell’avversario. O con delle maglie a caso. È una situazione bizzarra in cui però è incappata più di una squadra, anche in tempi relativamente recenti. Gli aneddoti sono frutto della ricerca di Palle di Cuoio.

—————————————————————————————————————————————–

OFF THE MATCH

Olimpiadi 1996. Da una parte il Brasile di Ronaldo, dall’altra la Nigeria di Kanu. In palio la finale per la medaglia d’oro. Il risultato? Una partita indimenticabile.

—————————————————————————————————————————————

OFF THE RADIO

Premier Pub da qualche tempo ha abbassato la saracinesca. Eppure c’era un tempo non molto lontano in cui gli appassionati di calcio inglese potevano godersi un appuntamento settimanale in compagnia di Roberto Gotta, la competenza sul football d’Oltremanica fatta a persona. Qui potete riascoltare l’episodio uno.

—————————————————————————————————————————————

OFF THE CINEMA

In questi giorni se n’è andato Michael Robinson, ex giocatore inglese che in Spagna ha trovato la sua seconda casa. Qui è diventato apprezzatissimo giornalista e cantastorie, tanto da creare una rubrica di culto come Informe Robinson, dove una volta ha dedicato un’intera puntata a Zigoni. Qui ve la riproponiamo.